1939 2019 STORIA DEL CORPO NAZIONALE

 

 

 

 

Comunicato stampa AMAMS inerente la presentazione dell'auto appartenuta a Tazio Nuvolari

COMUNICATO STAMPA

MANTOVA –Si è tenuta venerdì 9 febbraio alle 17, presso la Galleria Storica Nazionale dei Vigili del Fuoco di Mantova, l’inaugurazione della nuova sede in cui sarà esposta la FIAT1400 appartenuta a Tazio Nuvolari e gli eventi motoristici dell’anno 2018.

Grazie al sodalizio che, l’Associazione Mantovana Auto Moto Storiche “Tazio Nuvolari”, da anni stringe con la Galleria Storica dei Vigili del Fuoco, la Fiat 1400 appartenuta al mantovano volante, dimorerà in questa sede tutta speciale.

Come spiega l’Ing. Nicola Colangelo, presidente del Museo, è un’antica e profonda amicizia quella tra Tazio e i Vigili del Fuoco.

Dal canto suo, AMAMS è onorato che questo esemplare possa trovare dimora qua, sede di quasi tutte le partenze delle nostre manifestazioni. Siamo sicuri che tutto lo staff custodirà gelosamente questo mezzo, come d’altronde fa con ogni esemplare qua presente.

Vogliamo che questo museo spicchi tra i tanti musei, per la passione dei volontari che beneficia e ringraziamo per la gentile ospitalità.

Le manifestazioni in programma per l’anno 2018 sono presentate dal presidente Claudio Scapinello, il vice presidente Ing. Giampietro Danini e dal coordinatore della Squadra corse Domenico Colella.

Così, troviamo il consueto Campionato Sociale “Criterium 2018” composto da diversi 5 appuntamenti e insieme ai sodalizi extraterritoriali come HCC Verona (Historic Cars Club Verona) e la Scuderia Trentina Storica. Il primo incontro sarà domenica 11 febbraio con il “Criterium Zero”, una sede d’allenamento dove oltre al confronto “agonistico” ci sarà il classico momento conviviale.

Tra le manifestazioni di punta dedicate alle auto abbiamo il consueto “Trofeo Marco Magelli”, giunto alla 24ma edizione. La data sarà 13 e 14 ottobre e la manifestazione è inserita nel calendario nazionale ASI (Automoclub Storico Italiano) come Evento Turistico con rilevamenti di passaggio.

Sempre inserito nel calendario ASI nei raduni di marca è il “Raduno Alfa Romeo”, patrocinato da “Automobilismo d’Epoca” è previsto per il 30 settembre, e come lo scorso anno riempirà la storica e centrale piazza Sordello. Riproporremo un raduno che è anche motivo di cultura della storia del motorismo, interverranno grandi nomi che hanno reso il marchio del biscione nel mondo una eccellenza.

Non possono mancare gli appuntamenti dedicati ai motociclisti, in particolare “L’Aquila d’Oro” il 17 giugno e il “Circuito del Te” il 1 luglio.

Il primo, collaudato splendidamente l’anno scorso, si ripropone su un percorso extraterritoriale alla volta di Guastalla per visitare il Piccolo Museo del Moto “Emilio Bariaschi” che raccoglie 182 pezzi di 41 marchi diversi dell'industria motociclistica italiana e qualcuno dei più importanti esempi dell'industria europea.

Il Circuito del Te, è proposto nella sua terza edizione come evento riservato alle moto. Costruite fino al 1970, esse potranno ripercorrere lo storico tracciato.

Le iniziative non terminano qua, molte altre sono quelle in programma.

Il 25 aprile avremo la Gita di Primavera, si stanno definendo importanti aspetti ma possiamo confermare che uniremo cultura e divertimento.

Il 27 maggio collaboreremo con l’AVIS di Gabbiana nella realizzazione di un raduno giunto alla sua 32^ edizione! Tante moto sfileranno per le strade in un giro turistico tra Castellucchio e Gabbiana e come corollario sì potrà ammirare il giro-esibizione del Sidecar (famosa motocarrozzetta a tre ruote) Moto Guzzi 500 Sport 14 del 1929 con i sosia di "Don Camillo e Peppone". A Castellucchio una delegazione di motociclisti renderà omaggio al campione motociclisti mantovano Guido Leoni.

Le iniziative per le moto non terminano qua, ma proseguono con la quattordicesima edizione de “La Rullata Selvaggia”, il 2 giugno sarà un simpatico ritrovo di motocicli a rullo come gli indimenticabili “Aquilotto” e “Mosquito”.

Il 9 settembre la terza edizione del “San Giorgio in Moto”, un simpatico raduno per le moto costruite fino al 1998 a carattere turistico, dedicata alla riscoperta del territorio e delle tradizioni mantovane. Rivolta a tutti i motociclisti, soprattutto ai più giovani, che intendono coltivare la loro passione per le due ruote e che non disdegnano andare alla scoperta del territorio mantovano.

AMAMS parteciperà i prossimi 12-12-13 maggio all’ASIMOTORSHOW, la 18ma edizione che si svolgerà come sempre sulla pista di dell’Autodromo di Varano de’ Melegari(PR) per celebrare la storia del motociclismo.

Infine ma non meno importante è “AMAMS CAFFÈ VELOCE” dedicato alla domenica mattina.

Ci si ritrova in semplicità, per un semplice caffè e per sgranchire le gomme alle nostre auto. Nessuna iscrizione, nessun impegno sportivo e il ritrovo sarà sempre nel parcheggio dell’Open Spice a Mantova, con destinazione diversa ogni volta e per una piazza nuova del mantovano. La prima data in programma è il 18 febbraio con destinazione la millenaria piazza di San Benedetto Po.

Mirka Biasi

Addetta Stampa AMAMS Tazio Nuvolari

Grafica e Comunicazione

339 4108775

www.amams.org

S. BARBARA 2019

Per noi, è da sempre la festa di Santa Barbara che ci riunisce e ci commuove, che non ci fa solo riscoprire quelle che sono diventate inconsapevolmente le nostre scelte quotidiane ma che ci fa sentire il Corpo come un’ entità straordinaria ed unica. Si può essere atei ma per noi la nostra Santa esiste davvero e ci allontana, almeno per un giorno, dalle quotidianità di tempi negligenti.

Più di una volta avremmo voluto con noi le nostre famiglie ed in qualche occasione abbiamo avuto davvero con noi i nostri cari in quel piazzale della “ caserma “ che è il luogo in cui si concentrano i momenti più’ particolari del nostro vivere insieme, per il servizio. Le stagioni della vita trascorrono per tutti noi con le motivazioni che in questo giorno riscopriamo senza accorgercene.

Alle 24 del 3 di dicembre si conclude l’ottantesimo anno del Corpo Nazionale. Certo,  perché il 4,  per i Vigili del Fuoco inizia un nuovo anno dì attività.

In realtà era così anche prima del 1939. In Italia, per ragioni storiche e per esigenze anche ideali oltre che contingenti, tutti i Corpi , fin dall’ 800 erano uniti da legami particolari e fortissimi.

Le grandi ed imprevedibili esigenze di un territorio fragile, le necessità legate alla scarsezza di risorse, lo spirito di una  nazione giovane , il talento e la passione facevano in modo che ci si sentisse già un solo insieme di uomini votati,  ad una comune missione.

Ma pensiamo all’ “attualità”. Questa organizzazione unica ( in nessuno stato esiste un Corpo Nazionale ) ha consentito interventi altamente specialistici come quelli che noi riusciamo ad operare.

Basti pensare all’albergo di Rigopiano dove le unità USAR, giunte in tempi brevissimi, hanno consentito salvataggi impensabili di persone imprigionate fra strutture, con interspazi di poche decine di centimetri. Quelle unità oggi operano in Albania con tecniche che si evolvono di anno in anno grazie ai nostri ricercatori.

Anche nel novembre 1951 , nel Polesine , il nostro Corpo , unica istituzione Nazionale organizzata ed efficiente, destò l’ammirazione di tutta l’Europa. Dopo due anni l’Olanda, sommersa dal cedimento delle dighe sul mare del nord, volle i Vigili del Fuoco Italiani, con i loro sommozzatori e gli specialisti fluviali di allora .
Non lontano altri italiani, non sempre considerati nel modo giusto, lavoravano e soffrivano nelle miniere del Belgio.

Ma il passato è alle nostre spalle. Il giorno di Santa Barbara si pensa agli eventi futuri e ci si accosta con devozione all’ esempio di quei nostri colleghi che ci hanno lasciato. Pensando a loro ed alle loro famiglie sentiamo più compiutamente la responsabilità che abbiamo scelto.

Questi i pensieri che oggi animano gli appartenenti alla nostra Associazione .

Noi ci consideriamo ancora in servizio, non solo per onorare il Corpo con lo studio e la conservazione della memoria, ma anche e soprattutto per trasmettere ai giovani Vigili del Fuoco le testimonianze capaci di suscitare più convinte motivazioni. Ed anche per far conoscere ai Cittadini il valore e le capacità del Corpo che ad essi stessi appartiene.

Quest’ anno l’Associazione sarà presente alla Celebrazione  della festività di Santa Barbara a Bassano del Grappa con i Vigili del Comando di Vicenza ed il giorno 8 Dicembre a Viadana, con i Vigili del Comando di Mantova che operano in quel Distaccamento.

Si continua quindi la tradizione che contempla la dedizione di tutti gli appartenenti all’ Associazione Storica Nazionale alle finalità del Corpo ed alla vicinanza a tutti i Vigili.

Ne è la conferma l’ attività che viene svolta quotidianamente per conservare e rendere sempre disponibile la Galleria Storica  di Mantova che viene considerata come la casa di tutti i Vigili del Fuoco.

Mantova , 2 dicembre 2019

Esposta al Museo L'auto del grande TAZIO NUVOLARI

Venerdì 9 febbraio 2018 presso il Museo Storico dei VVF di  Mantova, si è svolta la cerimonia di consegna della vettura  Fiat 1400 di Tazio Nuvolari alla Galleria Storica.

Il personale del Museo, provvederà perché tale auto sia conservata ed esposta al pubblico.

Alla presenza del  Prefetto di MN Dott. Lombardi, del Presidente del Consiglio del Comune di MN Dott. Allegretti, dell’Assessore  Dott. Caprini e del Geom. Botti per il Comando Provinciale VVF di MN.

L’Ing. Colangelo, Presidente della Galleria Storica, ha dato il benvenuto a tutti, e, commosso, ha ringraziato, specialmente il Presidente dell’AMAMS “Tazio Nuvolari” Scapinello per la straordinaria donazione.

D’ora in poi, i visitatori del Museo Storico VVF, potranno ammirare anche la vettura che fu del grande TAZIO NUVOLARI.

 

 

 

 

Mantova festeggia 80° anniversario della fondazione del CNVF

Il secondo conflitto mondiale è stato per i bambini d'Europa una tragedia inimmaginabile, più crudele ed insensata di quella patita dagli adulti, a segnare le generazioni cresciute negli anni Trenta non è stata però solo la guerra con il suo corredo di terrore, dolore e morte; dopo l'inizio delle ostilità nei territori conquistati, moltissimi bambini furono strappati alle famiglie d'origine e migliaia di piccoli ebrei, rom, polacchi, ucraini e russi furono ridotti in schiavitù, sottoposti a esperimenti sadici, affamati e sterminati.   Quando finalmente il conflitto ebbe termine, moltissimi bimbi superstiti vagavano orfani, soli e disperati tra le rovine delle città, fù così necessario radunarli in campi di raccolta dove ci si rese conto che molti di loro per i traumi subiti, avevano dimenticato persino le proprie origini.   Mentre gli eserciti si ritiravano, sulle macerie della guerra si faceva avanti un altro esercito, quello dei bambini affamati ed malati; più di 30 milioni quelli nacquero tra queste macerie, quando tutto ciò che poteva servire loro per sopravvivere e crescere era così scarso e costoso che solo poche madri fortunate erano in grado di provvedervi, occorreva porvi rimedio, riunendo le famiglie e trovando una casa ai tantissimi orfani.    Gli Alleati e le Nazioni istituirono così l’11 dicembre 1946 l’UNICEF; “il Fondo delle Nazioni Unite per l’Infanzia”, per aiutare i milioni di bambini ridotti allo stremo e alla povertà per i danni della guerra, senza alcuna distinzione tra paesi vinti e vincitori, che per molti di loro costituì la salvezza.   Esattamente cinque anni prima era stato istituito in via definitiva che con la legge 27 dicembre 1941, n. 1570, che aveva abrogato tutte le leggi precedenti di unificazione dei Corpi Comunali, “il Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco”, in un’unica amministrazione tecnico-operativa dei servizi antincendi e di soccorso del nostro Paese.   Questa pubblicazione iconografico è dedicata al 70° anniversario dell’UNICEF, ed all’80° anniversario del CORPO NAZIONALE VV.F., vuole ricordare ed essere un omaggio all’impegno, all’esperienza, all’ostinazione di tante persone che in questi decenni non hanno mai smesso di combattere con le tragedie umane e tutti coloro che ogni giorno lavorano tutt’ora sul campo, in pace e in guerra, al servizio di un futuro migliore, senza distinzione di sesso, di razza, di credo politico, etnico, religioso o di genere.    Le immagini raccolte ci aiutino a ricordare la nostra storia più recente, spesso dimenticata, che coincide con i fotogrammi, dell’era digitale questa volta a colori, delle tante tragedie di ieri e di oggi, che hanno sempre visto i Vigili del Fuoco e l’UNICEF, sempre operativi fin dai primissimi momenti, con l’invio di aiuti di primo soccorso tecnico, alimentare, terapeutico, e di sostegno psicologico per i bambini traumatizzati dai conflitti o dalle catastrofi naturali.  

C’è molta Italia, in questa “Storia bellissima” che UNICEF , Vigili del Fuoco ed i nonni, raccontano una vita, dedicata a salvare, aiutare, e se possibile far sorridere, ogni bambino trovato in difficoltà; in ogni zona del nostro Paese e del mondo … perché i bambini ovunque nascano o crescano,  sono sempre bambini 

 

GLI ARTIERI DI TUTTE LE ARTI

Sabato 11 e domenica 12 novembre 2017 presso la Galleria Storica dei Vigili del Fuoco di Mantova,

l'Associazione Storica VVF di Mantova assieme all'Associazione Nazionale dei VVF sezione di Mantova,

presenteranno una mostra convegno  sulla storia dei Vigili del Fuoco italiani, con titolo "GLI ARTIERI DI TUTTE LE ARTI". La passione ed il talento nell'eccellenza tecnica ed operaia dei Vigili del Fuoco

Saranno presenti rappresentanti dei Vigili del Fuoco di Cuneo, Milano, Torino e Venezia che narreranno le storie e le arti di queste eccellenze operaie.

Programma:

Sabato 11 Novembre

Ore 15,00

Incontro con le delegazioni presso la Galleria Storica.

Relazioni sulle attività delle officine dei Pompieri da metà ottocento agli anni sessanta, con proiezioni di filmati ed immagini d'epoca

Ore 19,00

Aperitivo di festeggiamento

Domenica 12 Novembre

Ore 10.00

Attività per ragazzi, Visita guidata al Museo, Dimostrazioni sulle macchine a vapore e motori a scoppio costruiti all'inizio del "900, Fusione di metalli e lavorazioni metallurgiche, Presentazione della riproduzione originale del Ponte dei Mulini di Mantova

 

Ore 16,30

Presentazione del film del 1952 "La trappola di fuoco"

 

 

 

Fiat FIAT 507 - premio "eleganza" all'esposizione tenutasi in piazza Sordello a MN il 16 settembre 2017

Di certo le nostre macchine non potevano possedere le caratteristiche delle
vetture che hanno rappresentato degnamente l'Italia anche come espressioni
d'arte. Ma forse era un'arte applicata e povera quella con cui gli Ufficiali ed
i Capo Officina dei Vigili del Fuoco ricavavano dall' offerta della produzione
nazionale il loro automezzi, riprogettandoli, allestendoli ed anche
armonizzando le carrozzerie in modo da conferire ad esse linee espressive di
una sensibilità che tutta ci appartiene.


La 507 è del 1926, motore da 35 HP con 2300 c.c.. Rapporto al ponte ridotto ma
sempre in grado di sfiorare i 70 all'ora, grazie alla leggerezza delle
strutture della carrozzeria.
Ha una dotazione completa anche di scala a sfilo originale Fiat. Proiettore di
illuminazione , tubazioni, attrezzi secondo le prescrizioni del Regolamento.
E' un telaio ben rivestito dell'essenziale. Trasportava sicuramente una forte
squadra di Pompieri entusiasti e generosi.
Venne assegnata all'88 ° Corpo di Varese.
Restò in servizio fino agli anni ' 50 e finì la carriera al Distaccamento di
Sesto Calende.
Ceduta ad un demolitore restò integra grazie all'attenzione di un Maresciallo
in congedo al quale, negli anni del servizio, era stata affidata come autista e
meccanico addetto. Ogni mese l'anziano autista si fermava a salutare il
rottamaio per dava un giro di manovella affinchè il motore non si bloccasse.
I Vigili del Fuoco mantovani del 48° Corpo, che di quelle attenzioni sono i
continuatori, la portarono nel sotterraneo di Viale Risosgimento per custodirla
con cura. Poi, da Artieri di tutte le Arti, l'hanno fatta rinascere, lavorando
in una stalla di Bagnolo San Vito, visto che la solerte e geniale burocrazia
non contemplava che certi lavori fossero eseguiti in Caserma. Oggi è pronta per
il fuoco, quello da accendere negli animi sensibili e nobili dei Cittadini che
credono e difendono i valori importanti del nostro popolo antico e saggio.

23° TROFEO MARCO MAGELLI

Venerdì 22 settembre alle ore 18.00 si terrà presso la Galleria Storica dei Vigili del Fuoco di Mantova,

la conferenza stampa di presentazione del "23° Trofeo MARCO MAGELLI".

Interverrà il Presidente dell'AMAMS Tazio Nuvolari di Mantova Dott. Claudio Scapinello

ed il Tesoriere Domenico Colella.

Si ricorda che  il 30 settembre le auto storiche iscritte partiranno dal cortile della Galleria Storica alle ore 15.00

mentre il 1° ottobre la partenza è fissata per le ore 9.00.

Siamo lieti di trasmettere l’invito a tutti quanti vorranno partecipare!